I Partner EXTraS

Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

L'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) è il principale Ente di Ricerca italiano per lo studio dell’Universo. Include 17 istituti, ognuno con il proprio ambito di competenza, dall'astrofisica teorica, all'astronomia multi-lunghezza d'onda e allo sviluppo di nuove tecnologie. INAF è l'ente coordinatore di EXTraS e partecipa al progetto principalmente con tre istituti: l'Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica a Milano (IASF Milano), l'Ossevatorio Astronomico di Roma (OAR) e l'Osservatorio Astronomico di Brera (OAB).

INAF: http://www.inaf.it  IASF: http://www.iasf-milano.inaf.it/  OAR: http://www.mporzio.astro.it/  OAB: http://www.brera.inaf.it


Istituto Universitario di Studi Superiori di Pavia 

L'Istituto Universitario di Studi Superiori di Pavia ( IUSS) è il quarto degli istituti italiani ad essere riconosciuto quale "Scuola Superiore ad ordinamento speciale" (nel 2005), assieme alle già esistenti Scuola Normale Superiore di Pisa, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, SISSA di Trieste. Lo IUSS opera in sinergia con l'Università di Pavia e il suo importante Dipartimento di Fisica. Offre un percorso formativo di Laurea e post-Laurea a studenti altamente qualificati e selezionati, insieme allo sviluppo di ricerca all'avanguardia. I docenti dello IUSS-Pavia ospitano scienziati di rilevanza internazionale in diversi campi, fra cui la Matematica, la Fisica, l'Ingegneria e le Scienze Umane e Sociali.

http://www.iusspavia.it


Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) –  IMATI

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) è il più grande Ente pubblico nazionale di ricerca in Italia, un'istituzione multidisciplinare che ha partecipato attivamente a diversi progetti FP della Comunità Europea. Il CNR parteciperà al progetto con il suo Istituto di Matematica Applicata e Tecnologie Informatiche (IMATI). IMATI è un'istituto di punta nel campo della matematica applicata e nelle tecnologie informatiche. Con sede centrale a Pavia, ha sezioni a Genova e Milano. L'istituto ha una lunga tradizione nella partecipazione e coordinamento di progetti di ricerca nazionali e internazionali (incluso il coordinamento di un NoE (Network of Excellence) nel sesto FP e due Ideas Project nel settimo FP). IMATI è significativamente coinvolto nelle attività di Grid del CNR a livello nazionale e internazionale, inclusa la partecipazione a IGI (Infrastruttura di Grid Italiana) ed EGI (Iniziativa di Grid Europea).

http://www.ge.imati.cnr.it/


University of Leicester (Department of Physics and Astronomy)

Il Dipartimento di Fisica e Astronomia all'Università di Leicester è uno dei principali istituti di ricerca e insegnameno inglesi con più di 130 unità di personale, fra accademici, ricercatori, tecnici e altro. La ricerca astrofisica è molto varia e spazia dallo studio dei pianeti extrasolari, ai sistemi binari galattici, nuclei galattici attivi, lampi di raggi gamma e le survey (indagini a tutto cielo), utilizzando le più importanti missioni da terra e dallo spazio. Il dipartimento ha una lunga tradizione nel campo dell'astrofisica delle alte energie e nel coinvolgimento alle maggiori missioni spaziali di astrofisica, fin dal 1960. Il Centro di ricerca Spaziale  associato all'Università, ha dato un contributo determinante in diversi progetti hardware e di strumentazione per molte missioni spaziali, fra cui la camera EPIC di XMM-Newton e la camera nel piano focale di Swift, XRT.

http://www.le.ac.uk/


Max Planck Gesellschaft zur Foerderung der Wissenschaften E.V. (Max Planck Institute for extraterrestrial physics, MPE)

Il Max-Planck-Gesellschaft (MPG), la Società Max Planck per l'Avanzamento della Scienza, è un'organizzazione di ricerca indipendente, senza scopi di lucro che promuove e sostiene la ricerca presso i propri istituti. Gli istituti di ricerca del Max Planck Society svolgono ricerca di base, nell'interesse della comunità nelle scienze naturali, scienze della vita, scienze sociali e umanistiche. MPG parteciperà al progetto con l'Istituto Max Planck per la fisica extraterrestre (MPE). MPE è stato fondato nel 1963 come sub-istituto dell'Istituto Max Planck per la fisica e l'astrofisica, riconosciuto come un istituto indipendente nel 1991. Uno dei principali progetti del gruppo di alte energie presso MPE nel 1990 è stato ROSAT (lanciato nel giugno 1990), che ha fornito la prima survey con un telescopio a raggi X per immagini. Inoltre, il gruppo è stato fortemente coinvolto nello sviluppo, collaudo e calibrazione degli strumenti a bordo dei due principali osservatori a raggi X attualmente in orbita: XMM-Newton e Chandra.

https://www.mpe.mpg.de/


Friedrich-Alexander Universitat Erlangen-Nuremberg (Erlangen Centre for Astroparticle Physics, ECAP) 

L'Università Friedrich-Alexander di Erlangen Norimberga (FAU) parteciperà al progetto con il Centro Erlangen per fisica astroparticellare (ECAP, Erlangen Centre for Astroparticle Physics). ECAP è un Centro di Eccellenza dell'Università di Erlangen-Norimberga. Parte del Dipartimento di Fisica, ECAP comprende i gruppi di ricerca dei 16 docenti attualmente attivi nella fisica delle astroparticelle presso l'Università, con 35 unità di personale post-dottorato e 70 studenti di dottorato. La ricerca presso l'ECAP spazia dallo studio multi-lunghezza d'onda di stelle di neutroni e buchi neri in accrescimento (dal radio all'emissione X e gamma), alla partecipazione a missioni satellitari come l'esperimento tedesco eROSITA (lancio previsto nel 2014) e al coinvolgimento in rivelatori di neutrini, ANTARES e KM3NeT.

http://www.ecap.physik.uni-erlangen.de/